CONFERENZA SULLA FIBULA PRENESTINA A CERVETERI

APPUNTAMENTO: VENERDI 15 MAGGIO 2020 H 11 IN PIAZZALE MARIO MORETTI A CERVETERI, DI FRONTE ALL'INGRESSO DELLA NECROPOLI DELLA BANDITACCIA.

La FIBULA PRENESTINA, in oro massiccio risalente alla metà del VII secolo a.C., proveniente da Palestrina, reca un'iscrizione in latino arcaico che è attualmente ritenuta il più antico documento della lingua latina. L'originale si trova esposto al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, mentre una copia galvanostegica si trova al Museo nazionale romano alle Terme di Diocleziano.

Essa fu presentata per la prima volta nel 1887, dall'archeologo tedesco Wolfgang Helbig, senza dare alcuna indicazione sulle circostanze del ritrovamento. L'archeologo affermò di averla comprata da un amico nel 1876, ma indicò successivamente come luogo del rinvenimento la tomba Bernardini di Palestrina del cui corredo funerario la spilla avrebbe fatto parte.

Si tratta di una spilla "di sicurezza", lunga 10,7 cm, d'oro, della tipologia (femminile) delle fibule a drago, destinata a fissare i lembi di un mantello o di una tunica di una ricca aristocratica.

L'epigrafe sinistrorsa graffita, traslitterata, si legge: MANIOS MED FHEFHAKED NVMASIOI, che corrisponde al latino classico, MANIVS ME FECIT NVMERIO, ovvero « Manio mi fece per Numerio ».

Nella conferenza verrà affrontato il tema della autenticità, a lungo messa in discussione. I primi dubbi furono infatti sollevati già all'inizio del Novecento, a causa del contesto non comprovato del rinvenimento. Negli anni Ottanta l'epigrafista Prof.ssa Margherita Guarducci affermò che non solo l'iscrizione, ma lo stesso supporto era un falso, frutto della complicità tra Helbig e l'antiquario Francesco Martinetti. Le recentissime analisi condotte dal CNR sulla superficie del manufatto, tramite microscopio elettronico a scansione, hanno invece consentito di stabilire la corrispondenza tra la cronologia ipotizzata del manufatto (metà del VII secolo a.C.) e le tecniche della oreficeria etrusca del periodo Orientalizzante. Nel corso delle analisi è stato anche appurato che la fibula era stata riparata anticamente con una sottile lamina d'oro, per coprire una lesione che si era aperta nella staffa.

La conferenza si svolge a partire dalle h 11 nella SALA MENGARELLI all'interno della Necropoli della Banditaccia di Cerveteri, presso il punto di ristoro, con 50 posti a sedere a disposizione. La partecipazione è libera, si prega di dare comunicazione per tempo a causa della limitatezza dei posti, scrivendo a: inforomabella@virgilio.it, fornendo i propri dati, un telefono ed il numero dei partecipanti. La durata della conferenza è di 40 minuti, seguirà il dibattito. H 13: termine dei lavori.