LA PASSEGGIATA DEI FORI IMPERIALI NELLA SUGGESTIVA CORNICE NOTTURNA

Il modo migliore per apprezzare il fascino irresistibile e la bellezza di Roma di notte, è percorrere dopo gli ultimi bagliori del tramonto la Via dei Fori Imperiali (aperta negli anni '30 del Novecento con il nome di Via dell'Impero), da Piazza del Colosseo attraverso il foro di Vespasiano, il foro di Nerva, il foro di Augusto ed il foro di Traiano, per concludere in Piazza del Campidoglio, dalla cui terrazza si può godere il panorama mozzafiato sulla valle del Foro Romano di epoca repubblicana.

Nelle notti di luna piena, in estate intorno alle ore 21,30 (se il cielo è limpido) è anche possibile osservare il nostro satellite fare capolino tra le arcate del terzo anello del Colosseo, offrendo l'opportunità di uno scatto da copertina!

Proseguiamo la passeggiata in direzione dell'arco di Costantino, che con i suoi 21 metri di altezza svetta intatto dopo 1700 anni di storia, e poi passando davanti alle rovine del Tempio di Venere e Roma prendiamo via dei Fori Imperiali, dove il primo grande complesso che possiamo ammirare è il Forum Pacis ovvero il foro di Vespasiano, eretto tra il 75 e l'80 d.C., negli stessi anni in cui veniva costruito anche l'anfiteatro flavio. Entrambi, simboli della grandezza e della potenza dell'Impero all'epoca della dinastia flavia, furono finanziati con il bottino proveniente dalla guerra giudaica (66 - 70 d.C.).

Incontriamo poi il piccolo (si fa per dire) foro di Nerva terminato nel 97 d.C., contenente un tempo il santuario di Minerva, e a seguire gli imponenti resti del tempio di Marte Ultore, ben illuminati e visibili presso la parete in peperino che separava il foro di Augusto dal restrostante quartiere popolare della Subura.

Il foro di Traiano e il vicino complesso dei Mercati, appoggiati alle pendici del Quirinale, sono una testimonianza impressionante del genio di un grande architetto, Apollodoro di Damasco, al servizio dell'imperatore Traiano prima e di Adriano poi. A lui dobbiamo sia la costruzione del gigantesco foro tra il 106 ed il 113 d.C., sia la progettazione del bassorilievo della Colonna Coclide, che ancora oggi si lascia ammirare, splendente nella notte, dopo 1900 anni di storia.

Concludiamo questa imperdibile passeggiata in Piazza del Campidoglio, dove ammireremo la Piazza stessa (progettata da Michelangelo) e gli edifici del Foro Romano, in parte in rovina ma in parte ben conservati ed avvolti dalle luci diafane dei proiettori, sapientemente modulate per fare quasi galleggiare nel buio della notte questi antichi, eterni testimoni della grandezza di Roma.

Durata della passeggiata serale dei fori imperiali condotta da un archeologo: 1 h e 45'. Per informazioni e prenotazioni, compilare il modulo sotto oppure scrivere a: inforomabella@virgilio.it.