MEZZA GIORNATA: VISITA GUIDATA NEL GHETTO DI ROMA PER LE SCUOLE

Il Ghetto ebraico di Roma è una zona della città turisticamente poco nota e dalle caratteristiche peculiari. La visita didattica al piccolo rione, interessante soprattutto per le vicende storiche più recenti legate alla Seconda Guerra Mondiale, si muove tutta all'interno dell'area occupata a partire dal XVI secolo dalla minoranza ebraica qui deportata dagli altri rioni di Roma, da tutta la penisola e da una consistente percentuale di Ebrei fuggiti alla fine del XV secolo dalla Spagna (la cosiddetta Comunità Sefardita).

Il ghetto di Roma nasce ufficialmente nel 1555 per volontà di Papa Paolo IV Carafa, che con l'emissione della bolla papale "Cum nimis absurdum", costringeva gli Ebrei, fino ad allora circolanti liberamente in tutta Roma, a vivere relegati in una zona ben delimitata nei pressi del fiume Tevere di fronte all'isola tiberina, un ambiente malsano, umido e sottoposto continuamente al rischio delle piene del fiume.

Le condizioni di vita nel piccolo quartiere di soli 3 ettari di estensione erano alquanto disagevoli, con un insostenibile sovraffollamento all'interno di abitazioni piccole e buie. Qui gli Ebrei di Roma, alcuni dei quali anche molto ricchi e di elevata cultura, vissero fino alla abolizione del Ghetto, avvenuta nel 1870. Ma anche dopo la cancellazione della vergogna dell'antico ghetto papalino, gli Ebrei hanno continuato a vivere in questo luogo ormai così legato alla loro storia e alle loro tradizioni.

La guida illustrerà i principali monumenti, come la Sinagoga, il Portico D'Ottavia, dove all'epoca del ghetto era il mercato del pesce, la vicina piazza Mattei con la celebre Fontana delle Tartarughe opera di Giacomo della Porta e Gian Lorenzo Bernini, soffermandoci anche a parlare dei numerosi locali che offrono la tipica cucina ebraica romanesca "kosher", cioè "pura" secondo le regole del Rabbinato, ben rappresentata da piatti come i carciofi alla giudia o il tortino di alici ed indivia, un tempo il cibo dei poveri, oggi prelibatezze costose!

Ricorderemo però anche gli eventi storici più nefasti e le vergogne incancellabili dell'epoca dell'occupazione nazista durante il secondo conflitto mondiale, come la deportazione dal quartiere di 2000 Ebrei, avvenuta il 16 ottobre 1943.

Il percorso guidato del ghetto di Roma per le scuole si può svolgere sia al mattino che nel pomeriggio, la durata è di 2 ore. In questo itinerario non è prevista la visita interna della Sinagoga, che va richiesta a parte.

Per la visita guidata del ghetto di Roma è obbligatorio l'elenco degli studenti su carta intestata della scuola. Su richiesta è possibile aggiungere la visita delle FOSSE ARDEATINE (durata complessiva fosse ardeatine + ghetto 3 ore). Lo spostamento con il pullman tra le fosse ardeatine ed il ghetto è onere della scuola ed avviene comunque con l'assistenza della nostra guida.

Per ulteriori informazioni: chiama il n. tel. 0661661527 (attivo tutti i giorni h 9-19), o scrivi a romabella@visite-guidate-roma.com.

NEL DETTAGLIO: IL GHETTO DEGLI EBREI DI ROMA (CON VISITA INTERNA DELLA SINAGOGA)