PASSEGGIATA GUIDATA NOTTURNA CON L'ARCHEOLOGO LUNGO I FORI IMPERIALI

APPUNTAMENTO: SABATO 28 SETTEMBRE 2019 H 21 DAVANTI ALLA FERMATA METRO B COLOSSEO.

DURATA: 1 H E 45'. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527 (attivi tutti i giorni h 8-20).

Una delle più belle passeggiate serali che si possono svolgere a Roma è quella che, partendo da Piazza del Colosseo, si articola lungo Via dei Fori Imperiali, per concludersi poi in Piazza del Campidoglio.

In Piazza del Colosseo ci daremo appuntamento alla fermata della metropolitana e da qui muoveremo in direzione dell'arco di Costantino, che si erge nella notte con i suoi alti fornici, intatti dopo 1700 anni di storia. Fu eretto per Costantino dal Senato e dal Popolo Romano nel 315, per celebrare il trionfo sull'imperatore usurpatore Massenzio, a seguito della battaglia di Ponte Milvio il 28 ottobre del 312 d.C.

Illustriamo poi l'Anfiteatro Flavio o Colosseo, costruito tra il 72 e l'80 d.C. per volontà degli imperatori della dinastia Flavia Vespasiano e Tito. Lo storico Svetonio ci riferisce che durante la sua inaugurazione, durata 100 giorni, furono uccisi ben 2000 gladiatori e 5000 animali feroci per il divertimento della plebe romana! Esso fu in uso ben oltre la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, in quanto abbiamo notizia di giochi avvenuti nel 523, sotto il regno di Teodorico.

Ci incamminiamo lungo via dei fori imperiali costeggiando il colonnato destro del Tempio Adrianeo di Venere e Roma, fino a giungere al primo dei fori imperiali che incontriamo, il foro di Vespasiano, eretto nel 75 d.C. con il bottino della Guerra Giudaica; è chiamato anche Foro della Pace per la presenza all'interno del Tempio della statua della Pax Romana, voluta da Vespasiano dopo la sottomissione della provincia ribelle della Giudea (66-70 d.C.).

A seguire commenteremo il Foro di Nerva, risalente al 97 d.C., ed il Foro di Augusto del 2 a.C., con i resti ancora imponenti e suggestivi, ben illuminati, del Tempio di Marte Ultore, ovvero "vendicatore". Ottaviano Augusto, alla vigilia della decisiva battaglia di Filippi del 42 a.C., aveva infatti "promesso" a Marte un tempio, se lo avesse aiutato nella lotta contro i cesaricidi Bruto e Cassio.

Ci attendono poi le rovine superbe del gigantesco Foro di Traiano, l'ultimo in ordine cronologico, edificato tra il 106 ed il 113 d.C. su progetto del grande architetto siriano Apollodoro di Damasco. Il foro consta di una grande piazza porticata e pavimentata un tempo in marmo, di una basilica eretta ad uso commerciale dette "Ulpia" dal nome di famiglia di Traiano, e di una colonna onoraria, dove troviamo narrate attraverso bassorilievi (un tempo dipinti) le guerre di Traiano contro i Daci, popolazione barbarica corrispondente alla odierna Romania.

Prendendo via di San Pietro in Carcere saliamo sul Campidoglio per concludere la nostra visita guidata notturna dei fori imperiali. Dalla terrazza del colle potremo ammirare la valle del foro romano di epoca regia e repubblicana, dove si sviluppò la vita politica, religiosa, giuridica e commerciale di Roma, fino a quando agli inizi dell'età imperiale furono aperte le nuove piazze monumentali per venire incontro alle esigenze di una popolazione che tra il I ed il II secolo d.C. contava un milione di abitanti!