PASSEGGIATA GUIDATA DEL RIONE TESTACCIO DALLA PIRAMIDE CESTIA AL MATTATOIO

APPUNTAMENTO: DOMENICA 14 NOVEMBRE 2021 H 14,30 IN PIAZZALE OSTIENSE DAVANTI ALLA PIRAMIDE CESTIA. DURATA: 2 H. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527, cel. 3669430785 (whatsapp), o compilando il form sottostante.

Lo stemma del Testaccio con la sua anfora romana ricorda di certo le antichissime origini del rione. "Testaccio" è di derivazione latina, da testae (cocci) con chiaro rimando al Mons Testaceus o Monte dei Cocci, la grande discarica di anfore olearie di produzione spagnola e africana, qui accumulate nei secoli dal vicino attracco di Marmorata e dalla Porticus Aemilia.

Sin dall'epoca più antica la presenza del porto romano ha influenzato la funzione commerciale della zona: la continuità dell'uso come zona di mercato è stata causata per secoli dalla prossimità al fiume Tevere, agevolmente navigabile e rapida via di trasporto per le merci provenienti dal porto di Ostia. Questa vocazione commerciale ha condizionato anche la storia moderna del rione: dopo l'avvento di Roma Capitale, nei primi Piani Regolatori del 1873 e 1883 la zona fu interamente destinata allo sviluppo di attività produttive, artigianali e industriali.

Tra le prime e importanti realizzazioni del nuovo rione razionalmente progettato, che ne modificheranno profondamente l'aspetto ed il ruolo, vi è la edificazione del nuovo Mattatoio che va a rimpiazzare l'ormai obsoleto edificio di Piazza del Popolo.

Nel 1888 l'architetto Gioacchino Ersoch (Roma 1815-1902) riceve l'incarico di creare un complesso di capannoni per la macellazione e la distribuzione della carne, per rifornire l'intera città. Ovviamente si genera in parallelo la necessità di istituire un quartiere di case destinate ad accogliere gli operai impegnati nel Mattatoio e nei vari servizi ad esso correlati. Il progetto è sì concepito come un insediamento di periferia, ma indiscutibilmente dignitoso ed all'altezza della sua funzione, nonostante sia destinato alla classe popolare. Tuttavia questo modello di grande modernità sarà accantonato per mancanza di finanziamenti, e sarà ripreso solo più avanti, nel corso del Novecento.

Come sempre accade quando si passeggia per Roma, la nostra guida non potrà parlare di una sola epoca o di un solo stile architettonico. Il nostro viaggio nella storia di Roma ci porterà dall'antica Piramide costruita intorno al 30 a.C. come monumento funebre di Caio Cestio membro del sacerdozio dei Septemviri Epulones, costeggiando le antiche Mura Aureliane (275 d.C.), splendidamente conservate in questo tratto, al Cimitero Acattolico, silente distesa di sepolture immerse nel verde, sorto tra la fine del Settecento e l'Ottocento, mantenendo ancora oggi intatta l'atmosfera del Romanticismo anglosassone. Dopo aver superato la collina dei cocci e i resti della Porticus Aemilia del 179 a.C., termineremo il nostro giro all'Ex Mattatoio, magnifico esempio di architettura industriale oggi trasformato in sede museale.

La visita guidata di Testaccio con l'associazione culturale Roma Bella è gratis per i Soci. La tessera di Socio si può fare anche sul posto, costa 15 euro, vale 12 mesi, consente di partecipare a un numero illimitato di attività culturali gratuite.

Foto sotto: Cortesia dott. Marie Celine Favier.